electronicliteraturereview

Posts Tagged ‘interazione

#ELRPUB: Intervista con Antonio Tombolini

leave a comment »

In questa intervista Antonio Tombolini, fondatore della casa editrice StreetLib ci racconta come dalla sua passione per i libri e la lettura è scaturito l’interesse per l’editoria digitale. Un mondo tutto da scoprire, come rivelano le sue parole. Un settore industriale che è saldamente legato alla tradizione della stampa e che solo lentamente riesce a creare un proprio mercato che richiede solide strategie e vedute molto ampie, ma che consente anche di avere la testa “tra le nuvole”.

 

 

ELR: Antonio Tombolini, nel 2006 hai fondato la casa editrice Simplicimus Book Farm che dal 2016 si chiama StreetLib. Come è nato l’interesse per l’editoria digitale?

Antonio Tombolini: Semplicemente dalla mia passione per i libri e la lettura, che mi portò all’epoca a chiedermi se anche il libro non avrebbe dovuto fare i conti, prima o poi, con la transizione al digitale che la musica stava già affrontando.

ELR: Nel 2014 hai fondato un’altra casa editrice, la Antonio Tombolini Editore (ATE), un’editoria digital first che come StreetLib pubblica anche libri cartacei. Sul sito dell’ATE promuovi dei workshop. Come sono strutturati i workshop? Quali sono le prerogative per partecipare ai vostri corsi di formazione?

Antonio Tombolini: L’esperienza dei workshop ATE è stata preliminare alla creazione (a cui stiamo lavorando proprio in questi mesi) di un’offerta di formazione specialistica sul libro in tutti i suoi aspetti, che prenderà entro il 2018 la forma di una vera e propria “Scuola Permanente del Libro”, con una grande molteplicità di corsi e percorsi formativi, sia nell’area delle professionalità tecniche, che in quella dei contenuti e delle professionalità economico-manageriali. Siamo convinti che la transizione al digitale e alla rete comporti anche per l’industria del libro un adeguamento delle competenze e intendiamo offrire gli strumenti migliori per acquisirle.

ELR: Secondo te c’è nel settore editoriale una consapevolezza e una volontà forte per lo sviluppo di nuove tecnologie che agevoleranno il passaggio dall’editoria a stampa all’editoria digitale?

Antonio Tombolini: No, o almeno non in maniera adeguata nei protagonisti attuali dell’editoria. Sì, invece, e in misura crescente, tra gli autori, specie i più giovani, e i lettori.

ELR: Personalmente come hai vissuto il passaggio dalla stampa al digitale dal 2006 a oggi?

Antonio Tombolini: È stato ed è ancora un percorso di scoperte progressive, che sarà ancora lungo, perché siamo ancora ai primi passi di una evoluzione di cui non abbiamo visto che una piccola parte. Quello che ho imparato nel frattempo è che in queste fasi di cambiamenti radicali dei paradigmi di un intero settore, i meno avveduti e i meno adatti a individuare e coltivare il nuovo sono proprio quelli che in teoria si troverebbero nella posizione di maggior vantaggio, ovvero quelli che nel settore ci lavorano già. E più grossi sono, peggio è.

ELR: Da una breve ricerca sul web sui libri elettronici risulta che la storia dell’editoria digitale inizi attorno all’anno 1993 quando due italiani, Franco Crugnola e sua moglie Isabella Rigamonti, hanno creato il primo libro elettronico e quando il poeta Zahur Klemath Zapata pubblica “L’Assassinio come una delle belle arti” di Thomas de Quincey in formato DBF (digital book format). Secondo te quando ha avuto inizio la storia dei libri digitali e quali sono alcuni dei momenti salienti della storia dell’editoria digitale?

Antonio Tombolini: Riesce sempre difficile, e in fondo neanche troppo utile, rincorrere il primato di questo o di quello nell’avvento di un fenomeno. Il libro in realtà viene scritto e prodotto in digitale da tantissimi anni, da decenni, direi dall’avvento degli antenati dei computer, a fine anni ‘70 del secolo scorso, quando cominciarono a circolare non ancora i computer, ma le macchine per scrittura elettronica, di cui Olivetti era un precursore: da allora il libro viene scritto prevalentemente in digitale, lavorato impaginato corretto ecc. sempre in digitale, attraverso appositi programmi software. Il punto di svolta a mio avviso risiede in realtà nell’avvento dei primi dispositivi di lettura con schermo e-ink, che iniziammo a vendere, primi nel mondo, e non solo in Europa, proprio alla fine del 2006: è solo con questi schermi che leggere elettronicamente un libro diventa un’esperienza finalmente comparabile al comfort della esperienza di lettura su carta.

ELR: Nei StreetLib Stores è possibile acquistare o scaricare gratuitamente ebook nei formati PDF, EPUB e Kindle come anche libri cartacei in tantissime lingue – dallo Zulu al Bokmal. Quali sono i formati e i generi letterari più gettonati? Come si è sviluppato il mercato dei diversi formati?

Antonio Tombolini: Quanto ai formati il mercato si è andato concentrando su Kindle per il mondo Amazon e su EPUB per tutto il resto, con una residuale importanza del PDF per la diffusione gratuita e per la manualistica.

Quanto ai generi letterari invece la parte del leone la fa senz’altro la narrativa, per ora, anche se la saggistica sta già mostrando segnali di crescita, e sarà destinata a crescere molto più della narrativa nei prossimi anni, man mano che miglioreranno i software di lettura digitale.

ELR: Sui siti Simplicissimus.it e StreetLib.com è possibile distribuire gli ebook attraverso le rispettive piattaforme STEALTH e PUBLISH. Da dove nasce l’esigenza di creare delle piattaforme digitali? Quali sono i vantaggi rispetto ai servizi online già esistenti?

Antonio Tombolini: Piattaforme come la nostra consentono anche a piccoli editori e self publishers di raggiungere col proprio libro tutti gli scaffali di tutti gli ebook store del mondo, dai più grandi e globali fino ai più piccoli e locali. E tutto con un clic, senza bisogno di negoziare con una pluralità crescente di store, e senza dover gestire separatamente ciascuno di essi, anche dal punto di vista amministrativo e contabile, che come si può immaginare è particolarmente complesso.

D’altro lato consentiamo ai player più grandi e globali, come Amazon, Apple, Google, Kobo, di offrire in vendita titoli (distribuiamo ad oggi quasi 250mila titoli, e acquisiamo circa 500 titoli nuovi a settimana) provenienti da piccoli editori e self publishers che loro non sarebbero mai in grado di raggiungere e gestire.

ELR: Da un punto di vista di estetica del medium come cambia il modo di concepire l’impaginazione di un ebook arricchito con effetti interattivi e multimediali rispetto a un libro cartaceo?

Antonio Tombolini: Questo è in realtà un terreno molto delicato e su cui c’è molto da sperimentare. I software di lettura non sono tutti allineati, e inserire troppi “effetti” rischierebbe di far funzionare il libro su una piattaforma e non su un’altra. Non solo: questi “effetti” vanno dosati con grande cautela, perché il passo da “ebook interattivo ben fatto” a “videogame fatto male” è molto breve.

ELR: Come vengono salvate e archiviate opere interattive e multimediali?

Antonio Tombolini: I file delle opere risiedono nei nostri server “on the clouds”, con repliche in varie aree del mondo, così che qualora dovessero aversi interruzioni di connessione in un’area, per esempio nei server USA, possano entrare in funzione i server europei o asiatici.

ELR: Quanto è importante conoscere le lingue di programmazione per creare degli ebook in formato EPUB? Che consigli daresti a coloro che vogliono iniziare a imparare a programmare?

Antonio Tombolini: Chi vuole dedicarsi al mestiere dell’impaginatore oggi non può certo fare a meno di studiarsi il formato EPUB, che è fondamentale, ma che è anche, in fondo, una sorta di “dialetto” specializzato per i libri del HTML.

Chi invece scrive libri non ne ha affatto bisogno. Noi stessi offriamo un’applicazione gratuita online, StreetLib Write attraverso cui è possibile scrivere il proprio libro, o importare il proprio libro esistente in formato Word e simili, per ottenere automaticamente un formato EPUB, Kindle e PDF validato e pronto per la distribuzione.

Advertisements

Intervista ai TheCoevas

leave a comment »

ELR: Nel 2011 è stato pubblicato il romanzo interattivo. Come è nata l’idea di scrivere un’opera di letteratura elettronica?

TheCoevas: TheCoevasIo interattivo nasce con l’intento di esperire una modalità altra di concezione dell’opera, partendo dal romanzo cartaceo ( Io, in attesa di pubblicazione) è concepito e strutturato un esperimento altro d’avanguardia cui ad agosto si è aggiunto il medio metraggio-documentario sensoriale (Extremo Io, visibile gratuitamente su Vimeo). In sostanza sono ramificazioni, espressioni della stessa opera, dalle vite autonome. Maurizio Verdiani è stato poi l’ideatore della nostra macchina artistica concepita e realizzata per viaggiare condizioni ideali sul web o su altri supporti, che la tecnologia d’ultima generazione ci offre, ponendo chiunque in grado di guidarla e lasciarsi guidare verso nuovi percorsi in costante aggiornamento. Il risultato è l’umanizzazione e identificazione dell’opera in colui che si pone alla sua guida con un semplice clic e viceversa.

ELR: Il collettivo Coevas è un gruppo eterogeneo composto da Fiorella Corbi, Maria Pia Carlucci, Maurizio Verdiani e Stefano Capecchi. In che modo questa diversità ha determinato la realizzazione del progetto? Quali sono i vantaggi e quali gli svantaggi?

TheCoevas: Teniamo a precisare che non siamo un collettivo, ma semplicemente una band letteraria, con tutti i necessari annessi e connessi. La diversità di quattro teste pensanti ha lasciato il passo alla follia, all’estro comune, all’idem sentire delle nostre anime artistiche. Svantaggi non ne cogliamo, siamo per accogliere, modificare quando necessario e trasformare ciò che non va in possibile, fattibile.

ELR: La definizione “strumentisti di parole” suggerisce l’idea di una simbiosi tra musica e letteratura. Esistono analogie tra queste due arti?

TheCoevas: Certamente sì: scegliamo le parole in base alla cultura musicale che ci ha formato e ispirato. Le parole per noi vengono selezionate, ricercate affinché si accordino nell’insieme proprio come farebbe un direttore d’orchestra con i vari strumenti, o come ciò che avviene in una band: ognuno suona il proprio strumento seguendo la partitura, poi si accorda e si assembla il tutto. Le parole devono rimanere in mente proprio come una melodia.

ELR: Con l’interazione chiamate in causa il lettore. In che modo avete organizzato le varie parti dell’opera e i percorsi della navigazione? Chi è il lettore ideale?

TheCoevas: Non esiste un lettore ideale. Tutti possono interagire e leggere, a sé piacendo. Ci sono tre percorsi da scegliere: ma la scelta è individuale, questo per permettere di assecondare l’umore, la vivacità cromatica e l’interesse che scaturisce dal momento e dalla curiosità. Il lettore può scegliere personalmente tra una vasta gamma di suoni, immagini rumori d’ambiente e musiche adattabili secondo le esigenze emotive dell’estemporaneità; si viene catapultati in vari mondi, è come saltare da una galassia all’altra, dimenticando persino di stare sull’opera. Per lettori audaci ci sono giochi di ruolo.

ELR: Nel “Manifesto dei Coevas” affermate che l’artista debba essere capace di lavorare sull’opera e sulla cornice. Potreste spiegare meglio questo punto?

TheCoevas: Per cornice intendiamo la scelta e realizzazione di tutto ciò che concerne l’opera-libro: immagine di copertina, grafica, caratteri, colori, organizzazione di eventi, luoghi dove propagandare, filmati, musica etc… la cornice per noi non è accessorio e non distinguiamo tra opera e cornice anzi l’opera è l’insieme

ELR: Perché esitono diverse edizioni del romanzo? Perché avete scelto le piattaforme di MySpace e WordPress per la pubblicazione del romanzo?

TheCoevas: È un esperimento di diversificazione dell’opera, è concepita per ricavare da un’opera principale altre opere, come una mitosi. Il romanzo interattivo è sulla piattaforma iWork Apple e SkyDrive di Microsoft perché adeguate allo sviluppo software utilizzato.

ELR: La creazione del romanzo è un esperimento letterario?

TheCoevas: È esperimento in quanto c’è la ricerca di nuove forme e nuovi linguaggi.

ELR: La letteratura elettronica può essere considerata un genere letterario? Si tratta di un movimento letterario di avanguardia o si consoliderà nella tradizione della letteratura? Come si prospetta il futuro della letteratura elettronica?

TheCoevas: Né genere, né movimento letterario ma uso diverso della lettura cartacea. Questo è il futuro prossimo della letteratura, i libri non esiteranno più o saranno così rari che scrivere su carta verrà considerato atto artistico a sé stante.

TheCoevas

WordPress 

Twitter

Gravatar

Sonia Lombardo

Ebook editor, richiedi i miei servizi di impaginazione, editing e SEO per i libri

ePUBpublishing

Un libro è per sempre.

Reading Digital Fiction

We aim to introduce more readers to digital fiction and investigate digital fiction reading using cognitive and empirical approaches (funded by the AHRC).

Poesia Ú~ ///// Dia Inú~ ////

o primeiro poema a ser escrito que serve realmente para alguma coisa

Coeva, the novel

by TheCoevas: Musicians of Words / Strumentisti di Parole